Radio Barrio al Pentedattilo Film Festival

Redazione
Vota questo articolo

pentedattiloAttesa terminata. Il borgo di Pentedattilo è stato pronto ad accogliere gli amanti del cinema, dell’arte e della musica con cinque giornate ricche di appuntamenti. E l’ha fatto con la collaborazione della web radio crotonese Radio Barrio.  La web radio, infatti, non solo effettuerà dirette dal borgo reggino, ma farà collegamenti e speciali dedicati al festival del cinema. Una decima edizione, come preannunciato, inaugurata al Teatro Francesco Cilea dove, alla presenza delle scuole medie primarie e secondarie, sono stati proiettati due lungometraggi.

Ad aprire i direttori artistici Americo Melchionda ed Emanuele Milasi che, assieme a Paolo Tripodi, uno dei registi di “Asino Vola”, hanno salutato e dato il benvenuto ad una platea entusiasta.  Un film, quello realizzato dai registi reggini Paolo Tripodi e Marcello Fonte, che è stato interamente girato nel quartiere di Archi a Reggio Calabria. Perché l’obiettivo del Pentedattilo Film Festival è anche questo: una finestra sul mondo che però non dimentica di valorizzare i talenti del proprio territorio.

Siamo molto contenti di aprire il festival con “Asino Vola” – ha dichiarato Emanuele Milasi – perché è stato girato a Reggio Calabria e spero sia d’esempio per tutti voi”. La pellicola è stata presentata ovunque, tranne in Calabria, e vanta un cast d’eccezione: Luigi Lo Cascio che interpreta l’uomo adulto che racconta di sé bambino, la voce di Lino Banfi che presta la voce all’asino Mosè e quella di Maria Grazia Cucinotta che dà la parola alla gallina Angiulina.

“Asino Vola” racconta la storia del piccolo Maurizio che trascorre le sue giornate di bambino ad inseguire un sogno, quello di suonare nella banda del quartiere e di diventare un musicista. Per farlo dovrà lottare duramente: contro la famiglia, contro la mancanza di denaro e contro i pregiudizi della gente.

Il festival, iniziato il 7 dicembre, echeggerà tra le strade del borgo fino all’undici dicembre, quando le lingue di Argentina, Canada, Russia, Ungheria, Germania, Israele parleranno lo stesso linguaggio, quello cinematografico. Un calendario ricco di appuntamenti: oltre 90 cortometraggi tra finalisti e fuori concorso, e poi mostre, laboratori, workshop, installazioni e concerti.

pentedattilo3Il Festival, promosso e realizzato dalla Ram Film, cofinanziato dalla Regione Calabria e patrocinato dal Comune di Melito di Porto Salvo e dal Comune di Reggio Calabria prevede tre sezioni in concorso.  Per la sezione “Territorio in movimento” la giura è composta dall’attore Peppino Mazzotta, il distributore Giacomo Martini (Distribuzione Indipendente) e Giuseppe Colella, coordinatore generale del Napoli Film Festival. Faranno parte della giuria per la sezione “Animazione” i giovani illustratori e animatori emergenti Claudio Quattrone, Chiara Comi ed Elisabetta Drago, coordinati dal professore Marino Guarnieri, animatore e illustratore. Per la categoria Showcase Calabria troviamo i registi calabresi Fabio Mollo e Paolo Tripodi, insieme all’attore Alessio Praticò.

Un festival che quest’anno si presenta sotto una nuova veste itinerante. Il 7 dicembre è iniziato al Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria con due proiezioni dedicate alle scuole: “Asino Vola” in prima regionale, girato a Reggio Calabria da due registi reggini (Marcello Fonte e Paolo Tripodi) e “Wilde Salomè” diretto da Al Pacino che rilegge Salomè, l’opera teatrale più discussa di Oscar Wilde, proiettato in lingua originale con sottotitoli in italiano. Nel pomeriggio, il festival si è spostato nel Borgo di Pentedattilo fino al 10 dicembre, ultimo giorno di proiezione dei corti.

 

Per la sezione Territorio in movimento saranno proiettate due anteprime mondiali alla presenza dei rispettivi registi: Fernando Caneda, argentino, con il corto Firpo, e Pavel Iavanov, russo, con il corto #Whowekill.  Domenica 11 dicembre l’appuntamento è nuovamente al Teatro Cilea per la serata di premiazione, con la proiezione dei cortometraggi vincitori alla presenza dei registi selezionati e degli ospiti del Festival.

Il Pentedattilo film festival è cinema ma anche creatività: il laboratorio TupingiMatangi, dedicato ai più piccoli, verrà ospitato giovedì 8 dicembre alle ore 10.30 e sabato 10 dicembre alle ore 16.30. Tutti i bambini potranno immergersi dentro il fantasmagorico mondo del pre-cinema grazie a meravigliosi libri animati (flip book) attraverso i quali verranno raccontate storie del cinema e altri aneddoti.

pentedattilo2Sabato 10 e domenica 11 dicembre due workshop d’eccezione: “L’animazione Cinematografica”, dedicato ad animatori, illustratori e film-makers, e diretto dal regista, animatore, illustratore, nonché docente di animazione digitale presso la Scuola Italiana di Comix Marino Guarnieri, che introdurrà ai partecipanti le diverse tecniche e i modi di raccontare una storia con l’animazione; “Musicare la Parola”, rivolto a musicisti, compositori, cultori teatrali e musicali che, guidati dal musicista ed erede dell’Opera dei Pupi Giacomo Cuticchio, avranno l’occasione unica di esplorare, interpretandole musicalmente, le leggendarie pagine dell’Orlando Furioso di Ariosto.

A conclusione della proiezione dei corti, spazio alla musica con il duo di chitarre composto dal chitarrista francese Joe Borderies-Santoni e dal chitarrista Canadese Francois Girouxi (il duo Zingari) che si esibiranno in concerto il 7 dicembre e l’8 dicembre, i musicisti Aldo Gurnari, Anna Larizza, Paolo Picasso Pangallo con il concerto Musicofilia e Giacomo Cuticchio ensemble in Concerto con “Quaderno di danze e battaglie dell’Opera dei Pupi” ad apertura della serata di premiazione (11 dicembre) e proiezione dei cortometraggi vincitori. Quest’ultimo eseguirà una sorta di “musica a programma” dove in 5 tempi, l’immaginario dell’ascoltatore potrà gustare momenti topici del Teatro dei Pupi Siciliani come battaglie, galoppi, ma anche zuffe infernali, intrighi di palazzo, tradimenti, amori e fedeltà.

ultimo aggiornamento:
Redazione
Redazione

MENU